Ecco il calendario per la stagione 2017 - 2018

28 aprile 2018 Don Bosco Giavenocoazze (2-5)
Sono passati poco più di 3 mesi dal 18 gennaio, allora il Don Bosco era  allineato al Giaveno Coazze in classifica e perse la partita di andata con un solo gol di scarto (3-2 il risultato finale) grazie a un rigore concesso all’ultimo minuto ai padroni di casa. Oggi l’impresa si presenta ardua poiché il GiavenoCoazze in crescendo è arrivato al terzo posto in classifica staccando di 15 punti i ragazzi di Mr. Nando fermi al nono posto. Dopo pochi minuti di gioco sono già due gli errori difensivi che aprono agli ospiti lo specchio della porta ma, fortunatamente, entrambe le volte i tiri terminano fuori. Ma è solo questione di tempo così al 17mo e al 20mo il GiavenoCoazze si porta sul 2 a 0.
Solo allora i ragazzi si svegliano e si riversano nella metà campo avversaria. Purtroppo viene espressa troppa foga tanto che Andrea Z. viene espulso per proteste condannando i ragazzi a proseguire in 10. Il 0-3 è questione di poco, da segnalare comunque una punizione di Davide che trova uno splendido portiere avversario che vola e devia in corner la palla. Contrariamente alle previsioni i ragazzi si esprimono al meglio nel secondo tempo, in inferiorità numerica riescono a portare tante minacce in area avversaria, Lorenzo, Alessandro, Giovanni: tutti ci provano ma la porta sembra stregata. 10 minuti di assedio puro e poi una ripartenza è fatale per Manu che incassa il quarto gol. I ragazzi insistono e pressano veramente bene tanto che alla fine riescono a segnare due reti: una di Samuel di testa e uno di Federico che approfitta di una mischia nell’ennesimo assalto all’arma bianca: un piacere vederli giocare. A 5 minuti dalla fine comincia ad affiorare la stanchezza e ritorna il GiavenoCoazze che segna il quinto e ultimo gol della partita e fissa il risultato finale sul 2 a 5.
Don Bosco dalla doppia faccia (non è la prima volta quest’anno) che gioca decisamente meglio in 10 e dimostra che con la giusta motivazione e pressione potrebbe dar fastidio a chiunque.Ora è lecito domandarsi: perché spesso si gioca bene solo un tempo e non tutti e due? Perché non si capisce che lamentarsi con gli arbitri non porta da nessuna parte se non mettere in difficoltà la squadra assommando ammonizioni ed espulsioni? Dal vostro inviato Stefano S.
 
22 aprile 2018: Carrara - Don Bosco (0-1).
8 punti separano i padroni di casa dal Don Bosco, ma non bisogna farsi trarre in inganno. Nell’ultima partita il Carrara è andata a cogliere un pareggio a casa del Rosta e questo la dice lunga sulle qualità dei padroni di casa nonostante la posizione in basso alla classifica.
Il Don Bosco ritrova dopo alcune settimane la difesa tipo con Davide e Mattia al rientro.Partono a razzo entrambe le squadre tanto che al primo minuto bisogna registrare un’occasione per parte. Al tredicesimo la svolta della partita: atterrato Lorenzo lanciato a rete, l’arbitro non fischia ma la palla schizza sulla fascia sinistra. Ci crede Daniele che arriva a rimorchio e infila con un diagonale "lampo" l'incrocio opposto all'angolo di tiro, sotto la traversa: 0-1. Un brivido a 25mo con la mega traversa che salva i ragazzi di Mr Nando. Al secondo tempo entra Alessandro che comincia a creare scompiglio nella fascia destra, arriva una punizione dal limite che batte Fabio. Questa volta è la traversa del Carrara a dire di no al raddoppio. Poi la partita degenera quando un giocatore del Carrara viene espulso. Rigore non fischiato al Carrara e gli animi si scaldano. Vola qualche parola di troppo all’indirizzo dell’arbitro che estrae il cartellino rosso. Da li in avanti i ragazzi di Mr. Nando hanno sofferto gli assalti del Carrara anche se in un paio di occasioni sono riusciti a ripartire bene in contropiede ma, e questo è il problema conclamato, non c’è mai nessuno che si incarica di tirare in porta. Partita sofferta ma vittoria importante che permette ai ragazzi di fare un piccolo passo in classifica alimentando anche il morale del gruppo. Dal vostro inviato Stefano S.
 
14 aprile 2018 - Don Bosco - Rivoli (0-8)
Aria di derby oggi in casa Don Bosco, ma sarà un derby amaro dove maturerà una sonora sconfitta da ricordare per molto tempo.
La cronaca è pressoché facile da esporre, brutta partita e 4 gol per tempo incassati. Ciò che brucia è stata l'involuzione dei ragazzi. E' vero che mancavano alcune colonne portanti (Davide e Mattia in difesa, Samuel a centro campo e Alessandro in attacco) ma è altrettanto vero che i superstiti hanno giocato senza piglio, mordente, agonismo etc etc.
Un plauso ai ragazzi del 2004 Brayan e Rohit, unica nota positiva, che hanno provato a dare una mano risultando i migliori in campo. Dal vostro inviato Stefano S.
 
8 aprile 2018 – Pro Collegno -  Don Bosco (4-0).
Questa settimana il Don Bosco affronta i secondi in classifica che vantano un ruolino di marcia di tutto rispetto. Passano solo 6 minuti quando un errore difensivo del Don Bosco viene prontamente sfruttato dai padroni di casa che siglano il vantaggio. Non è possibile concedere nulla a chi, come la Pro Collegno, è tecnicamente più avanti rispetto alla media. Al decimo un’azione veloce e oggettivamente bella della Pro Collegno consente di allungare il vantaggio. Sembra prospettarsi una debacle al ventesimo quando l’arbitro decreta un rigore, ancora per i padroni di casa, ma Alessandro vola e compie una parata stratosferica deviando in angolo la palla. Purtroppo il gol è rimandato di poco, dal corner battuto è più lesto il giocatore della ProCollegno che porta a 3 il bottino interno. Il secondo tempo ha visto un Don Bosco rigenerato. È stato un tempo ricco di azioni dove anche i ragazzi di Mr. Nando hanno fatto preoccupare la difesa avversaria (è stato annullato anche un gol di Federico C. per un fallo di mano di dubbia volontarietà di Andrea). A due minuti dalla fine, rassegnati per il punteggio fino a li maturato ma consapevoli di poter combattere con veemenza, l’ex Simone Scognamiglio batte una punizione che scavalca la barriera e si insacca sotto il set: 4-0. Sicuramente avremmo perso comunque ma rimane il rammarico di aver concesso troppo nel primo tempo e, per contro, di aver giocato decisamente meglio nel secondo tempo. Prossima partita con il Rivoli: avversari sopra di noi in classifica ma non impossibile da affrontare. Dal vostro inviato Stefano S.
 
24 marzo 2018 - Don Bosco – Almese (9-0).
Oggi i ragazzi di Mr. Nando sono rimaneggiati, sono solo 13 e devono chiedere rinforzi al 2004: tante assenze per malattia, per motivi familiare, per squalifica. Dall’altra parte l’Almese che, finora poco fortunata, occupa l’ultimo posto in classifica. L’ultima partita si era chiusa in modo poco glorioso per il Don Bosco e il Mister ha sicuramente dovuto risollevare il morale e ricaricare le batterie dei ragazzi. Ebbene sembra aver centrato l’obiettivo, nonostante ridotti ai minimi termini i ragazzi sono riusciti a portare in porto una roboante vittoria senza precedenti. Tanti gol e mai un problema per Alessandro grazie a una ritrovata difesa, a un centrocampo duttile sia in fase offensiva che in fase difensiva e a  un attacco assolutamente imprevedibile. Apre le marcature al 4^ minuto Daniele S. che raccoglie di sinistro la palla deviata dal portiere e insacca in diagonale (1-0). All’8^ raddoppia Andrea Z. grazie a un tiro / cross da fondo campo che trova uno spiraglio impensabile (2-0). Al 12^ corner dalla sinistra ed è il turno di Davide G. che insacca di testa (3-0). Al 16^ Alessandro A. non molla, combatte e ruba il pallone alla difesa involandosi in area e siglando il 4-0. Al 20^ (un gol ogni 4 minuti…) filtrante di Enrico ed ancora Alessandro A. che sigla la personale doppietta (5-0). Altro corner e questa volta è Federico che incorna e muove la rete (6-0). Ultimo minuto, atterrato Lorenzo in area e rigore inequivocabile. Si incarica Fabio del tiro che porta a 7 le reti del primo tempo.Il secondo tempo è praticamente in discesa e bastano poche ripartenze per arrotondare il punteggio. Poco lucidi nella conclusione al 1^ minuto Lorenzo e per 2 volte negli ultimi 5 minuti Daniele entrambi soli contro il portiere, freddo e micidiale il killer Alessandro A. che realizza il poker su due lanci millimetrici di Enrico (9-0). Bella risposta dei ragazzi, tanto esuberanti e concreti come mai si sono visti da inizio campionato. Hanno deliziato il pubblica e ora hanno un compito molto arduo: continuare a stupire. Dal vostro inviato Stefano S.
 
18 marzo 2018 Pianezza -  Don Bosco (6-0)
Oggi si gioca con la pioggia, il campo ricorda vagamente un acquitrino, circostanza questa che sarà foriera di molteplici scivoloni anche da parte dell’arbitro.
Il Pianezza ha i nostri stessi punti in classifica ma risulta dietro il Don Bosco per via della differenza reti. Ciò nonostante la partita ha raccontato ben altra cosa. I ragazzi hanno mostrato una involuzione incredibile, alcuni sembravano non aver mai giocato a pallone. Probabilmente il campo scivoloso ha fatto si che i ragazzi fossero più attenti a non scivolare che non a contrastare.
Eppure la cruda realtà si riassume in 6 gol subiti, nessun tiro in porta da parte dei ragazzi di Mr. Nando e tanti, tanti errori con palle corte e completa sufficienza.
La cronaca racconta 3 gol per tempo, costante presenza di gioco nella metà campo del Don Bosco e null’altro: peccato! Dal vostro inviato Stefano S.
 
10 marzo 2018 Don Bosco – Rosta (1-6).
Oggi i ragazzi di Mr. Nando scendono in campo contro la corazzata del nostro girone, il Rosta. Giusto per capire, parliamo di una squadra con 14 partite, 40 punti (13 vittorie e un pareggio), 60 reti fatte e 5 subite.I ragazzi comunque credono e sperano di fare lo sgambetto al Rosta e, francamente, non solo i ragazzi lo speravano.Sono bastati solo 5 minuti al Rosta per portarsi in vantaggio, una mezza leggerezza in difesa e tanto basta agli ospiti per affondare il primo colpo. Dopo altri 2 minuti altra rete del Rosta con un colpo di testa.Si riaprono le speranze verso il ventesimo: punizione battuta dalla trequarti, palla che batte sul palo e prontezza di Fabio che accorcia le distanze. I ragazzi ci credono e aumentano i giri anche se, non riusciamo a essere sufficientemente pungenti in area avversaria. Ma il tempo scorre e il primo tempo termina con un dignitoso 1-2.Il secondo tempo non c’è stata più storia. Altri 4 gol del Rosta e mister espulso per essersi troppo scaldato in occasione del 1-5 nato da un doppio fallo in centro campo del Rosta. Anche l’arbitro ha fatto la sua parte concedendo un rigore a 1 minuto dalla fine per un fallo di mani assolutamente discutibile. Ma non avrebbe cambiato la sostanza della partita. Il risultato finale non è bugiardo ma non deve far deprimere i ragazzi che, ricordo, hanno giocato contro la prima della classe. Appuntamento a sabato per la ripresa delle ostilità: FORZA RAGAZZI. Dal vostro inviato Stefano S.
 
10 febbraio 2018: Caselette -  Don Bosco (0-0).Oggi l’avversario dei ragazzi di Mr. Nando è il Caselette, squadra penultima in classifica con 6 punti che non deve trarre in inganno perché, nelle ultime due uscite, ha fatto preoccupare Pro-Collegno e Almese con le quali ha perso 1-0 e vinto 3-1. Il Don Bosco oggi in maglia Rossa parte bene, contiene bene gli attacchi del Caselette ed è prona a ripartire ad ogni occasione. Purtroppo la squadra continua a sentire la mancanza di una punta di ruolo, così non riesce a realizzare alcuna rete né al primo tempo, né al secondo tempo. Il risultato finale però non rende particolare giustizia alle occasioni da rete avute. Se da una parte il Caselette ha seriamente rischiato di passare in vantaggio ad inizio del secondo tempo (doppia occasione con svarione generale della nostra difesa) il Don Bosco si è avvicinato con Fabio che ha trovato la testa di un difensore a togliere la palla dalla riga di porta, con Samuel che nel primo tempo colpisce il palo e con Daniele che nel secondo tempo coglie la traversa: situazioni che coronano una serie di tiri purtroppo terminati fuori dallo specchio della porta.Al netto delle azioni subite il Don Bosco ad ogni partita sta sempre più avvicinandosi alla porta avversaria e questo, in prospettiva, non può che far ben sperare. Dal vostro inviato Stefano S.
 
04 febbraio 2018 - Bussoleno Bruzolo - Don bosco.(0-1)
Chi ha detto che invertendo l’ordine dei fattori il risultato non cambia!Al contrario delle ultime partite oggi il Don Bosco è sceso in campo molle nel primo tempo, concedendosi anche distrazioni e sbagli tecnici da brivido, e ha cominciato a giocare nel secondo tempo concedendo nulla ai padroni di casa e lottando con i denti su ogni palla.La partita parte bene con due azioni promettenti del Don Bosco che in pochi minuti si porta sotto rete, pur senza impensierire seriamente il portiere del BussolenoBruzolo.Per il resto la partita è stata bruttina, piena di errori da parte di entrambe le squadre che mai si sono rese pericolose per tutto il primo tempo.Aumenta sensibilmente la pressione del Don Bosco nel secondo tempo che prende possesso del centro campo insieme ad una difesa diventata improvvisamente impeccabile.Bisogna però aspettare fino al ventunesimo minuto per vedere una azione brasileira da parte dei ragazzi di Mr. Nando: Lorenzo innesca Fabio che salta l’ultimo uomo e fa partire dal limite dell’area un tracciante imprendibile per il portiere, che si insacca di poco sotto la traversa GOOL.I padroni di casa si gettano a capofitto alla ricerca del pareggio offrendo ampi spazi al contropiede del Don Bosco. Nulla cambia fino alla fine del match salvo segnalare l’ammonizione di Samuel e Enrico per il Don Bosco e nessuna ammonizione per il Bussoleno Bruzolo protagonista di due brutti falli, uno su Alessandro e uno su Lorenzo costretto, quest’ultimo, ad uscire dolorante anzitempo dal campo.Prova ampiamente sufficiente da parte dei ragazzi che però giocano sempre un solo tempo per partita. Non oso immaginare quanto ci si potrà divertire quando nelle gambe e nella testa dei ragazzi ci sarà benzina sufficiente a garantire due tempi da brivido.Bravi Ragazzi. Dal vostro inviato Stefano S.
 
26 gennaio 2018 – Don Bosco – Collegno Paradiso (0-0)
Partita che scivola via senza dare particolari emozioni agli spettatori sugli spalti, il gioco non è stato brillante da parte di entrambe le squadre. Bisogna aspettare il ventesimo del primo tempo per vedere la primo tiro in porta che trova pronto Alessandro a ribattere. Solo ad inizio ripresa un timido risveglio in attacco da parte di Federico che incoccia di testa e manda la palla alta. Un brivido forte lo procura la nostra difesa a metà della ripresa, un velo sbagliato consente all’attaccante di presentarsi solo davanti ad Alessandro ma, poco lucido nella conclusione per nostra fortuna, tira fuori.Per il resto ordinaria amministrazione e un pareggio a reti inviolate che permette al Don Bosco di muovere nuovamente la classifica.Poche geometrie e molti errori tecnici da parte dei ragazzi di Mr. Nando che sembrano essersi assopiti in un pomeriggio piacevolmente caldo. E’ andata bene che gli avversari erano alla nostra portata. Dal vostro inviato Stefano S.
 
20 gennaio 2018:  Don Bosco – Sporting Rosta (1-4).
Contrariamente a quanto avevo scritto in occasione dell’ultimo commento, il Don Bosco non ha incontrato la squadra schiacciasassi del Rosta ma la sorella minore “Sporting Rosta”. Purtroppo il cambio squadra non è stato propizio al Don Bosco che incassa una pesante sconfitta. Il risultato pesante non rende giustizia alla qualità dei ragazzi di Mr. Nando che ancora una volta alternano una eccellente prestazione nel primo tempo a una deludente prestazione nel secondo tempo. Purtroppo la differenza di gioco tra le due frazioni di gioco è determinata da una panchina “corta”, dai ricorrenti svarioni difensivi e anche dalla sfortuna. Di fatto oggi il povero Alessandro Agus è dovuto uscire dal campo anzitempo per una brutta caduta costringendolo anche a fare un controllo al pronto soccorso. Fortunatamente non ci sono complicanze e se la cava con una diagnosi di una decina di giorni di riposo.Parte a razzo il Don Bosco con Fabio che con un tiro al volo incoccia la traversa al secondo minuto, continua la pressione della squadra per buona parte del primo tempo dove si è giocato principalmente nella metà campo dello Sporting. Si rendono pericolosi Davide G. e Fabio, ma verso il 20mo, al primo affondo dello Sporting, il solito errore difensivo dettato dalla poca attenzione consente allo Sporting di portarsi in vantaggio.Il Don Bosco continua il suo assalto con una carica veramente entusiasmante: manca il pareggio Samuel che si vede respingere un tiro sulla linea di porta dal difensore avversario, poi Lorenzo incredulo nel trovarsi a tu per tu con il portiere riesce a realizzare il pareggio dopo l’ennesimo rimpallo.Purtroppo l’agonismo è stato foriero di disavventure per tutti i ragazzi, all’incidente di Alessandro A. citato in precedenza bisogna aggiungere una probabile frattura del polso di un giocatore del Rosta portato anch’egli al pronto soccorso (un augurio di pronta guarigione anche per lui).Termina sul punteggio di 1-1 il primo tempo con una vera e bella battaglia in campo.Come detto il secondo tempo è tutta un'altra storia, come nello scorso incontro la benzina comincia a scarseggiare e il Don Bosco si trova in balia del Rosta che passa in vantaggio dopo pochi minuti. Da li in avanti ogni tentativo di attacco da parte dei ragazzi di Mr. Nando si concludevano con delle veloci ripartenze dello Sporting che riesce così a mettere in sicurezza il risultato siglando altre due reti per il risultato finale di 1-4.Il lato positivo è dato dalla capacità dei ragazzi di reagire e giocare sempre un buon primo tempo, bisogna solo lavorare sodo per aumentare l’autonomia complessiva. Dal vostro inviato Stefano S.
 
18 gennaio 2018 GiavenoCoazze - Don Bosco (3-2).
Oggi nello splendido stadio comunale del Giaveno, in una serata fredda, si gioca il recupero della partita sospesa per neve in dicembre.Partono a razzo i ragazzi di Mr. Nando che al 2^minuto trovano il difensore del Giaveno a ribattere sulla linea di porta una palla che aveva battuto il portiere (assist di Lorenzo e tiro di Giovanni). Poco dopo è il Giaveno che passa; l’attaccante trova il corridoio giusto e allunga la palla in rete complici la difesa mal disposta e il portiere poco reattivo nell’uscita. Pochi minuti e arriva il raddoppio del Giaveno. La partita sembra prendere una brutta piega ma i ragazzi sono molto bravi a non mollare e a chiudere il Giaveno nella propria metà campo. Spina nel fianco del Giaveno è Lorenzo che viene atterrato più volte procurandosi diverse punizioni dal limite. E’ proprio da due punizioni che nascono due reti; palla in area, pressione del Don Bosco e prima Fabio, poi Giovanni, ribadiscono in rete la palla per due volte pareggiando i conti. Ancora un brivido per squadra e pubblico quando il Giaveno coglie la traversa a pochi minuti dalla fine del primo tempo che si chiude con un pari assolutamente meritato.Nel secondo tempo i ragazzi non avevano più spinta sufficiente per rendersi pericolosi, per contro hanno contenuto molto bene gli attacchi del Giaveno che voleva a tutti i costi la vittoria. Sembrava ormai certo il pareggio in trasferta quando, all’ultimo minuto di gioco, uno scellerato intervento in area di Davide obbliga l’arbitro ad assegnare il rigore per la squadra di casa. Alessandro intuisce l’angolo e si tuffa molto bene ma non riesce a raggiungere la palla che era molto angolata. Termina 3-2 la partita e lascia l’amaro in bocca a tutti quanti, peccato perché si è arrivati a un passo da raggiungere un buon obiettivo e questo grazie a una buona prestazione generale. Sabato sarà un’altra storia con un impegno molto difficile per i ragazzi di Mr. Nando che ospiteranno in casa il Rosta che viaggia a punteggio pieno, 50 reti fatte e solo 1 subita. Dal vostro inviato Stefano S.

 

13 gennaio 2018 - Don Bosco - Carrara 90 (3-0).

Riprende il campionato dopo una lunga sosta dettata dalle festività natalizie e dal brutto tempo. I ragazzi avevano terminato l’anno con una posizione in classifica di tutto rispetto e oggi incontrano il Carrara, avversari da non sottovalutare anche se hanno chiuso il 2018 con una classifica meno felice.
Dopo 10 minuti di studio è del Don Bosco la prima azione, Alessandro A. fa la barba alla traversa.
Al 16mo Andrea Z. stupisce tutti e realizza una rete meravigliosa su punizione pennellando  una splendida traiettoria che si insacca nel set sinistro 1-0. Preme il Don Bosco e raccoglie ancora i frutti del proprio gioco con Alessandro A. che si procura ben 2 rigori in 5 minuti: il primo lo batte Davide G., il secondo lo stesso Alessandro per un 3-0 fin qui indiscutibile.
Negli ultimi minuti del primo tempo e per tutta la ripresa il Don Bosco finisce il carburante e raramente si ripresenta in area avversaria. Per contro il Carrara prova a recuperare la partita procurandosi ben 2 rigori, ma la traversa prima e Alessandro C. poi mantengono invariato il risultato.I ragazzi hanno giocato bene i primi 20 minuti e poi hanno dato segno di stanchezza, segno che i panettoni e le mangiate natalizie hanno colpito. Fortunatamente anche il Carrara ha dimostrato poca solidità e, nonostante i due rigori procuratisi, non è riuscito a violare la rete del Don Bosco.

Buona la prima ma è necessario riprendere fiato e convinzione se no arriveranno serie sconfitte prossimamente. Dal vostro invato Stefano S.

 
10 dicembre 2017 - Rivoli - Don Bosco (1-0).
Oggi è stata una partita amara per i ragazzi del Don Bosco, partita viziata da un giovane arbitro che ha fatto tanti e tanti errori ma – come è giusto che sia – gli arbitri per crescere devono fare esperienza anche se talvolta (e aggiungo purtroppo) l’inesperienza finisce per guastare la gioia di una domenica sportiva.
La partita è stata molto emozionante e non sono mancate le occasioni da gol da parte di entrambe le squadre. Per ben due volte il Rivoli ha sbagliato un gol fatto a porta vuota; ma il Don Bosco non è rimasto a guardare e spesso e volentieri ha forzato la giocata rendendosi pericoloso (traversa di Fabio, gol mancato di Lorenzo, troppa foga di Federico che almeno in un paio di occasioni non calcia bene) e giocando d'anticipo sia in centro campo che in difesa.
Il primo tempo si è chiuso sullo 0 a 0 e pure il secondo tempo stava scivolando sullo stesso binario quando, a 5 minuti dalla fine, l’arbitro ha fischiato un rigore per un atterramento inesistente. Il giocatore del Rivoli ha ammesso alla nostra difesa di non esser stato toccato salvo ritrattare la propria posizione su specifica domanda dell’arbitro che, come detto prima, non aveva la giusta esperienza per decidere in autonomia. L’arbitro ha ancora dimostrato indecisione quando un giocatore del Rivoli ha dato un calcio volontario (e cattivo) a Lorenzo, reo di avergli sfilato la palla dai piedi. Insomma la rabbia dei ragazzi alla fine era tangibile e palpabile e questo ha fatto scivolare in secondo piano la splendida prestazione di gioco. Purtroppo il limite è stato quello di non trasformare in goal quanto fatto, ma per questo Mister Nando sta provando a rimediare: penso sia solo questione di tempo. Ottimo ragazzi. Dal vostro inviato Stefano S.

 

25 novembre 2017 - Don Bosco - Pro Collegno (0-2)
Oggi  sono fuori Mattia e Lorenzo, entrambi  reduci di un forte dolore alla schiena. In salita fin dal primo minuto la partita per il Don Bosco: una vistosa trattenuta al limite dell'area da parte di Enrico decreta il rigore a favore della Pro Collegno che passa subito in vantaggio. Fallo evitabile in quanto l'avversario era chiuso in una gabbia e regalo che condizionerà tutto il match.
I ragazzi giocano bene e si portano spesso in attacco anche se non riesconi mai a inquadrare lo specchio della porta. Anche la Pro Collegno non trova grossi sfoghi per il proprio gioco grazie a un eccellente filtro in centrocampo e a una buona difesa. È solo un lampo dell'attaccante della Pro Collegno al secondo tempo che consente il raddoppio. Bel goal con tiro dal limite dell'area e leggera complicità di Alessandro che si allunga bene alla sua sinistra ma non tocca la palla che gli passa fra le mani. Anche oggi si sono visti i limiti del Don Bosco che non è ancora riuscito a trovare  in attacco  il giusto feeling per andare in rete. Risultato che permette alla Pro Collegno di staccare il biglietto per il secondo posto e lasciare alle spalle i ragazzi di Mister Nando. Dal vostro inviato Stefano S.

18 novembre 2017 Almese - Don Bosco (1-2)
Oggi si gioca contro l'Almese, squadra ancora ferma al palo in questo campionato. La partita è  insidiosa, i ragazzi di Mr. Nando tendono a  rilassarsi troppo quando pensano di avere vita facile: alla fine la partita risulterà  insidiosa si, ma per tutt'altro motivo.
Il primo tempo termina in parità, risultato che sta molto stretto al Don Bosco che ripetutamente gioca nella metà campo avversaria creando veramente tante azioni da gol, ma un grande portiere dell'Almese e la mancata capacità del Don Bosco di chiudere in rete fanno sì che le emozioni e le aspettative di atleti e pubblico non debbano sfociare in gioia (per cronaca si trovano al tiro più di una volta Samuel, Lorenzo,  Alessandro A, Federico e Davide - con ben 4 punizioni dal limite). Per contro in porta Alessandro non ha mai toccato la palla nel corso della frazione di gioco.
Il secondo tempo sembra la fotocopia del primo. Per quasi 10 minuti la squadra di casa non entra nella nostra metà campo fin quando una punizione dalla tre quarti fiocca nella nostra area dove ben 4 giocatori si buttano sulla palla e realizzano il vantaggio.
Il Don Bosco non ci sta e si catapulta nell'area avversaria con veemenza e  irruenza. Ma il gol sembra aver galvanizzato i padroni di casa che ora giocano decisamente più sciolti e rapidi, fortunatamente senza alcun esito. A 7 minuti dalla fine arriva il sospirato pareggio con Agus che spizzica al volo la palla spiazzando il portiere che pur riesce a toccare con la punta delle dita e a deviare sul palo interno.
Ma oggi è destino che gli spalti debbano vivere una giornata di forti emozioni! Il Don Bosco crede fino alla fine di potercela fare, continua a pressare come aveva fatto nel primo tempo e supera l’Almese con un gol a 2 minuti dalla fine, sempre con Alessandro A. che ancora una volta riesce con colpo felino a violare la rete.
Vincono per  2-1 i ragazzi di Mr. Nando, ma quanta sofferenza e quanti gol falliti oggi: troppi, veramente troppi. Che dire poi dell'ennesimo gol preso su calcio piazzato: tanto materiale su cui lavorare. Dal vostro inviato Stefano S.

 
15 novembre 2017 - Rosta - Don Bosco  (8 – 0)
Oggi si recupera la partita inviata due domeniche scorse per impraticabilità del campo. Per motivi logistici l’incontro  si è tenuto a Rubiana, località sulle pendici del Col del Lis dove ad attendere gli atleti e i tifosi a seguito c’era un freddo esagerato.
Dal punto di vista calcistico il risultato parla chiaro, un secco e rotondo 8 – 0 maturato contro una squadra che è risultata di un altro livello. Velocità, fisicità, tecnicità e ottime geometrie sono gli elementi che hanno consentito al Rosta di superare il Don Bosco. A onor del vero bisogna riconoscere una buona prestazione dei ragazzi di Mr Nando che per quasi venti  minuti sono riusciti a reggere l’impatto della corazzata Rosta.  Assolutamente numero uno (e non solo per il numero sulla maglia) Alessandro Corio che si è superato in 4 megaparate prima di capitolare.  Purtroppo il primo e il secondo gol hanno demoralizzato i ragazzi del Don Bosco che pian piano hanno lasciato sempre più campo alla squadra di casa incassando così 5 gol nel primo e altri 3 gol nel secondo tempo.
Ora bisogna recuperare lo smacco e puntare con grinta e rabbia alle prossime partite di campionato a partire da Sabato (trasferta ad Almese) per provare a riassaporare il piacere della vittoria.
Un pensiero ed un augurio infine allo sfortunato giocatore del Rosta, caduto malamente nei 3 minuti di recupero, portato al pronto soccorso per un problema alla spalla. Dal vostro inviato Stefano S

 

11 novembre 2017 Don Bosco – Pianezza (1-3)
Oggi i ragazzi si giocano il primo posto in classifica rischiando di raggiungere il Rosta (capolista) con 3 punti di vantaggio ma una partita in più. Per contro gli avversari sono dietro di 3 punti, sempre con una partita in più. La giornata soleggiata è calda per essere in novembre, ma quest’anno ci ha abituati a un autunno ed inizio inverno alquanto caldo. Il primo tempo si è visto prevalentemente il Don Bosco molto bravo a bloccare quasi tutte le azioni del Pianezza con l’applicazione del fuori gioco alto, magistralmente diretto dal capitano Gatti e sempre pronto a ripartire. Ben due le azioni che potrebbero portare in vantaggio i ragazzi di Mr. Nando, prima Panetta al 15mo che sfodera un mezzo silura dal limite, al culmine di un’azione corale, neutralizzata dal portiere ospite. Al 20mo è Mario che, a pochi metri dalla porta con portiere spiazzato, si divora il gol tirando fuori. Una delle regole del calcio è “Gol mancato – Gol subito” e anche in questa occasione è stata confermata la regola. Punizione dalla tre quarti per il Pianezza, parabola insidiosa dove ben 4 avversari non adeguatamente contrastati si sono proiettati sulla palla portando in vantaggio la propria squadra.

La reazione è stata rapida e veemente, dopo neanche 5 minuti Fabio viene atterrato in area: rigore per il Don Bosco che pareggia con una esecuzione esemplare di Davide Gatti. Poco dopo termina il primo tempo sul risultato di parità.

Nel secondo tempo entra Samuel che risulterà devastante sulla fascia destra. In pochi minuti fa un paio di sgroppate esemplari che purtroppo non si concretizzano con una rete. La troppa foga ha determinato per Samuel un cartellino giallo e subito dopo, a seguito di un contrasto troppo “fisico”, l’uscita prematura dal campo dopo neanche 10 minuti di gioco. La squadra spinge e sembra poter essere in grado di passare in vantaggio ma una nuova punizione dalla tre quarti per il Pianezza, cambia le sorti. Punizione fotocopia del primo gol e vantaggio del Pianezza. Gli ultimi minuti sono un assalto all’arma bianca del Don Bosco che apre delle praterie al contropiede degli ospiti, contropiede che trova la terza rete a 3 minuti dalla fine.

Peccato aver perso una partita alla portata. Due reti su calcio piazzato devono far riflettere la squadra, troppo debole e paurosa nei contrasti aerei, insomma… tutte aree su cui vi sono margini enormi di miglioramento. Dal vostro inviato Stefano S.

 

28 ottobre 2017 - Don Bosco - San Giorgio (4-2)- Oggi i ragazzi di Mr. Nando incontrano il San Giorgio: la partita non sarà valida per la classifica FIGC (trattasi di seconda squadra la cui presenza è funzionale ad aver un numero di squadre pari nel girone) e quindi è da considerarsi un turno "amichevole". Alla fine della partita il risultato positivo non rispecchierà la prestazione resa che sarà solo sufficiente. Molta sofferenza nel primo tempo, pochissime conclusioni di cui alcune anche a favore del San Giorgio e un pareggio assolutamente meritato per  gli ospiti, “cenerentola” del girone. Comunque il gol è stato da cineteca con Alessandro A. che galoppa lungo la fascia destra, converge e segna con una potente rasoiata a incrociare.  Il Don Bosco aumenta i giri nel secondo tempo: prima fa le prove con Samuel che battezza il palo, poi passa in vantaggio con Fabio F. che raccoglie il corner da sinistra e insacca. Il Don Bosco preme e gioca bene fino al ventesimo, è ancora Fabio F. che raccoglie un corner e porta a 3 il bottino, poi Giovanni che dalla tre quarti fa un traversone che diventa un tiro a parabola che supera il portiere e raggiunge quota 4. Negli ultimi 15 minuti il Don Bosco si spegne e concede veramente troppo al San Giorgio che riesce a segnare ancora una rete. In sintesi i ragazzi hanno avuto un lampo nel primo tempo e 20 minuti intenssi nel secondo tempo. Chissà se di fronte a squadre più agguerrite 20 minuti e un lampo possono essere sufficienti a portare a casa il risultato. Dal vostro inviato Stefano S.

20 ottobre 2017 Olympic Collegno – Don Bosco (0-1). Partita dal doppio volto in casa Olympic. Primo tempo con molti errori da parte di entrambe le squadre e gioco concentrato prevalentemente nella zona di centro campo.  I ragazzi di Mr Nando sembrano soffrire i tentativi di assalto dei padroni di casa eppure l'azione più nitida arriva al 20mo proprio per il Don Bosco, in particolare un gran tiro al volo di Mario che scavalca il portiere Ma trova un gran difensore che intercetta di testa e devia in angolo.
Finisce la frazione di gioco sullo 0-0 senza grandi emozioni.
Nel secondo tempo il Don Bosco entra in campo con un altro piglio, ogni singolo giocatore pressa e contrasta ogni singola palla e la partita diventa decisamente più avvincente. Due rinvii maldestri dei portieri (prima del Don Bosco, poi dell'Olympic) fanno tremare entrambe le tifoserie ma il risultato non cambia, sembra crederci di più il Don Bosco con Giovanni che tira una rasoiata a incrociare, bravo il portiere a distendersi e parare. A due minuti dal termine la svolta. L'arbitro fischia una punizione in area a favore del Don Bosco per retropassaggio: il pubblico si spacca in due in merito alla corretta interpretazione dell'arbitro, tanto più che la punizione è stata fatta ribattere per la vicinanza della barriera. Federico non sbaglia e insacca sotto il filo della traversa, 0-1. Gli ultimi due minuti son stati una battaglia in campo con colpi al limite del regolamento, un fuori gioco fischiato all'Olympic che riscalda ulteriormente gli animi degli spalti ma alla fine i ragazzi di Mr. Nando portano a casa il risultato.
Rimane il dubbio sulla punizione concessa, nessun dubbio in merito alle altre decisioni arbitrali, sia la ribattuta della punizione, sia sui fuori gioco fischiati,  la certezza è una squadra sempre più “squadra” capace di soffrire e combattere ma, soprattutto, trovare continuità di gioco anche nel secondo tempo. Bravi ragazzi. Dal vostro inviato Stefano S.

14 ottobre 2017-  Don Bosco - Caselette (4-0). Oggi, prima partita del campionato provinciale, i ragazzi di Mr, Nando sono impegnati contro la squadra del Caselette. Teoricamente il livello tecnico del campionato Provinciale è più basso del livello tecnico presente nelle selezioni dei regionali, in ogni caso è necessario che i ragazzi mantengano alta la concentrazione per fare un buon campionato, campionato con 14 squadre che garantirà calcio e spettacolo per 26 turni fino a maggio 2018.Il primo tempo è a favore del Don Bosco che ha giocato praticamente nella metà campo del Caselette. Gli avversari raramente hanno superato la metà campo e mai hanno impegnato il portiere Alessandro. Al 13mo batte un corner Daniele che pesca molto bene Zanetti che con un colpo acrobatico porta in vantaggio il Don Bosco. Dieci minuti esatti e su azione sviluppata dalla sinistra è Lorenzo che pennella un crosso dove Mario Rapisarda si fa trovare pronto per il meritato raddoppio. La partita a senso unico permette al Mister di valutare ed effettuare diversi cambi alla fine del primo tempo (cinque complessivi). Come nel primo tempo passano 13 minuti di gioco e dalla triangolazione  Lorenzo – Fabio nasce il terzo gol. C’è ancora tempo per vedere una discesa di Lorenzo sulla sinistra con tiro a spizzare il portiere e chiusura del punteggio finale sul 4 – 0. Purtroppo sono da annotare due ammonizioni assolutamente evitabili: una per Mattia per un fallo pesante, l’altra per Zanetti che calcia la palla a gioco fermo. E’ necessario che i ragazzi imparino a controllarsi, soprattutto quando la partita scorre su binari tranquilli. Buona la prima per i ragazzi che, come tutti si augurano, faranno divertire nel corso del campionato, inoltre è positivo che siano stati ben 4 i marcatori della giornata, segno che la squadra sta sviluppando un attacco maggiormente corale rispetto al passato. Dal vostro inviato Stefano S.

01 ottobre 2017. Don Bosco Alba Roero. Questa è l'ultima partita del girone per le qualificazioni al campionato regionale. Relegati al ruolo di fanalino di coda, dopo l'ultima sconfitta contro il Valle Po - Paesana, giochiamo contro la prima in classifica. La partita sulla carta si presenta molto difficile per i ragazzi di Mister Nando.  Il Don Bosco ha mostrato due facce nei due tempi di gioco: il primo assolutamente disastroso dove raramente si è arrivati alla conclusione  termina con il passivo di 0 a 6  che non ammette alcuna replica, differente invece l’approccio al secondo tempo dove i ragazzi, nel corso dell’intervallo, sono stati caricati e pungolati nell’orgoglio da Mr. Nando. Il parziale è di 2 -3 (risultato finale 2-9)  con reti di Giovanni (che scatta in contropiede e realizza spiazzando il portiere) e di Davide Gatti  (su punizione magistrale) e una prestazione complessiva di spessore di tuta la squadra completamente rigenerata. 
Altra nota dolente della partita arriva dall’arbitro molto giovane che non ha segnalato due fuorigioco evidenti (circostanze costate due reti, ma è giusto ricordare che sbagliano in serie A con i guardalinee) e in un’altra occasione ha consentito la ripresa del gioco senza fischiare seppur a seguito di una punizione con ammonizione (il regolamento non lo permette e i ragazzi sono stati presi alla sprovvista incassando un'altra rete). In ogni caso non sono queste tre circostanze che hanno condizionato il risultato in quanto la squadra del Alba si è dimostrata oggettivamente più forte. In sintesi i ragazzi hanno perso entrambi i tempi di gioco, il primo senza giocare ed impegnarsi mentre il secondo impegnandosi seriamente e, per inciso, è molto meglio perdere con onore. Ora è il momento di cominciare il campionato provinciale, in teoria le squadre sono meno performanti rispetto a quelli incontrate nel girone di qualificazione ai regionali ma non sottovalutare gli avversari e giocare ogni momento della partita con grinta e determinazione sono ingredienti fondamentali per garantire divertimento in campo e sugli spalti. Buon campionato ragazzi. Dal vostro inviato Stefano S.

23 settembre 2003 - Don Bosco - Valle Po. Partita di ritorno con il Valle Po (Paesana) che prova a smuovere la propria classifica ancora ferma a 0 punti. I primi 10 minuti sembrano a favore del Don Bosco che non permette mai agli ospiti di oltrepassare la metà campo. Di seguito alla prima incursione il Valle Po passa in vantaggio. La squadra prova a reagire immediatamente con Agus che viene atterrato al limite dell’area ospite. Si incarica del tiro Andrea che sbaglia la conclusione. Il Don Bosco ci crede e spinge sull’acceleratore. E’ Lorenzo che da posizione defilata tira a porta vuota dopo aver saltato il portiere in uscita ma sfortunatamente il difensore avversario intercetta la palla sulla linea di porta. Il Valle Po è forte nelle ripartenze affondando nella linea di difesa alta che il Don Bosco sta mantenendo, molte volte riesce il fuori gioco ma al ventesimo un errore di allineamento della difesa permette l’affondo decisivo con relativo raddoppio. Risultato finale del primo tempo 0 – 2.  Al decimo del secondo tempo c’è la possibilità di riaprire la partita con Lorenzo che danza in mezzo all’area procurandosi un rigore. Purtroppo il tiro è fuori dallo specchio della porta. Continuano però le ripartenze degli ospiti che marcano anche il terzo cartellino e chiudono l’incontro sullo 0 – 3. Migliorata la prestazione rispetto alla partita di mercoledì, ci si aspetta una ulteriore crescita nella prossima partita, sperando che il mister possa contare su tutti gli effettivi. Dal vostro inviato Stefano S.

 

20 settembre 2017 Centallo – Don Bosco. Oggi i ragazzi si spostano in autobus verso Centallo per la partita di ritorno persa in casa, ricorderete, per 0-8 ma con una prestazione maiuscola da parte dei ragazzi di Mr. Nando.  Inutile la cronaca di una partita strana, giocata senza mordente e passione (passatemi il termine) da parte dei ragazzi. Il passivo finale (4 – 0; con due reti per tempo) è  indubbiamente migliore rispetto alla precedente prestazione ma grazie agli errori degli avversari in fase conclusiva. Come detto in precedenza di tutt’altro spessore il gioco dei ragazzi che sono scesi in campo con il motore al minimo e non hanno mai impegnato il portiere avversario. Dopo diverse prestazioni maiuscole è comprensibile un calo di prestazione: forza ragazzi, riprendiamoci. Dal vostro inviato Stefano S.

 

17 settembre 2017    Alba - Don Bosco.  Riassunto di un paio di risultati del girone di qualificazione al campionato regionale: Don Bosco – Centallo (0-8), Alba – Centallo (3-1): il pronostico non è a favore del Don Bosco eppure le aspettative e le ambizioni dei ragazzi sono giustamente positive. I ragazzi di Mr. Nando partono benissimo con ordine e attenzione non solo contrastano la squadra di casa ma contraccambiando colpo su colpo. Contrariamente ad ogni pronostico al 10° minuto è Lorenzo che intercetta un passaggio di Andrea e porta in vantaggio il Don Bosco. Incredulo l’Alba prova a reagire e al 20° riesce a pareggiare su rigore. C’è ancora il tempo per vedere il raddoppio di Zanetti ma l’arbitro annulla per fuori gioco. 1-1 è il risultato finale del primo tempo ma che partita i ragazzi, veramente 11 leoni in campo. Il rigore, come il fuorigioco fischiato, probabilmente non sono state segnalazioni corrette. Vicino alla panchina dei padroni di casa ho colto alcune affermazioni: “il difensore è stato ingenuo ma il rigore è stato un regalo”; “meno male che ha fischiato a me non sembrava fuorigioco”; “gli abbiamo sottovalutati”. Il secondo tempo è stata un’altra storia, purtroppo i cambi del Don Bosco non sono stati all’altezza dei cambi dei padroni di casa. Inoltre la stanchezza per la prestazione messa in campo al primo tempo ha lasciato il segno nelle gambe dei difensori che hanno sbagliato alcuni rinvii elementari. Ben 6 sono state le reti subite e questo determina il risultato finale di 7-1. Seppur con il risultato a sfavore i ragazzi hanno fatto una prestazione eccellente che ha strappato i complimenti della panchina avversaria. La sconfitta non è arrivata inaspettata ma è certo che partita dopo partita è sempre più difficile domare il Don Bosco e questo è un buon auspicio per il futuro. Dal vostro inviato Stefano S.

 

13 settembre 2017 – Valle Po Paesana - Don Bosco.
Di fronte le due squadre a 0 punti , reduci da due sconfitte con punteggio tennistico subito domenica, in campo per muovere  la classifica. Si gioca nel campo situato nel comune di Paesana che offre una temperatura frizzante e piacevole che invoglia a fare una piccola passeggiata pre-partita.
L'intensità di gioco è alta fin dal fischio d'inizio  con rapide ripartenze di entrambe le squadre, sono i ragazzi di Mr. Nando i più audaci tanto che al 5° un secco anticipo di Federico a centrocampo innesca Daniele sulla sinistra, sgroppata laterale e cross al centro dove si fa trovare pronto Davide G. Che finta a destra e insacca con un tiro di biliardo lo 0-1.
Il Paesana prova a premere sull'acceleratore  e grazia il  Don Bosco quando, sugli sviluppi di una punizione, la palla attraversa lo specchio della porta con Alessandro spettatore. I padroni di casa devono però offrire il fianco alle ripartenze del Don Bosco che  sfiora il  raddoppio in più occasioni  anche grazie a un  devastante Lorenzo, oggi particolarmente ispirato, che salta e dribbla gli avversari trovando facili triangolazione  con i compagni di reparto .  Nonostante tutto il punteggio rimane sullo  0-1  fino allo scadere della frazione di gioco.
Nel secondo tempo il Paesana entra in campo molto più  motivato del  Don Bosco e dopo  soli 3 minuti  pareggia grazie anche a una difesa ancora ferma negli spogliatoi. La partita sembra prendere una brutta piega e fino al 10° non riusciamo più a uscire dalla metà campo. Mr. Nando corre ai ripari e innesta forze fresche in campo. Improvvisamente parte sulla fascia ancora Lorenzo che converge dribblando un paio di giocator, allunga la palla a Brayan  (classe 2004  subentrato da pochi minuti) che insacca con uno splendido tiro al volo: 1- 2 .
Nuovamente forti del vantaggio i ragazzi  riprendono fiducia, da un corner battuto da Giovanni la palla scavalca il portiere e viene accompagnata in porta da  Andrea, pronto a sfruttare la situazione.
C'è  ancora il tempo per assistere a una ottima parata di Alessandro che riscatta alcune disattenzione maturate  nella partita. Termina la partita con il punteggio di 1-3 a favore del Don Bosco , risultato che attesta un buono stato di forma dei ragazzi che continuano a crescere.  Nel congratularmi con tutti per la bella partita goduta, invito tutti a guardare alcune immagini della trasferta di oggi. Dal vostro inviato Stefano S.

 

10 settembre 2017 - Don Bosco - Centallo

E' iniziata l’avventura dei ragazzi di Mr. Nando, per la prima volta impegnati con avversari più forti di quelli finora incontrati.

La preparazione al campionato Regionale è stata indubbiamente valida ma il risultato non è stato confortante: sconfitti dai ragazzi del Centallo che, per dovere di cronaca, sarebbero arrivati quarti alla scorsa edizione del Campionato Regionale. Al di la del risultato è doveroso riconoscere una buona tenuta fisica a tutta la squadra, circostanza però insufficiente a far fronte agli avversari che hanno liquidato la pratica Don Bosco con 4 reti per tempo. E’ necessario riprendere da quanto di buono visto, continuare con la preparazione concentrandosi su alcuni aspetti tecnici particolari quale una maggior coesione delle linee e una maggior concentrazione durante tutte le fasi della partita.

Forza ragazzi! Le soddisfazioni arriveranno a breve. Dal vostro inviato Stefano S.